Milano | Centro Direzionale – Demolizione INPS: 26-04-2018, l’ultimo dente

Ieri e oggi si è tenuta l’ultima fase della demolizione del palazzo ex-INPS di via Melchiorre Gioia 22 costruito nel 1961 e dismesso nel 2012.

Il palazzo di via Melchiorre Gioia 22 era un’architettura della Milano industriosa e febbrile degli anni Sessanta. L’Istituto nazionale previdenza sociale aveva realizzato qui una cittadella del welfare (con oltre duemila addetti negli anni Ottanta) e sperimentato un modello di gestione interna (con mensa e servizi al personale), veniva chiamato “Grande Transatlantico”, forse per la forma massiccia della struttura. Negli ultimi anni, tuttavia, il palazzo di Gioia 22 aveva presentato problemi di efficienza energetica e utilizzo degli uffici. Così si optò per il trasloco e la messa in vendita dello stabile. 

Dopo che sono state rimosse oltre 200 tonnellate di amianto, da gennaio 2018 è cominciata la demolizione partendo dall’alto. Ecco ora quel che resta di Melchiorre Gioia 22, ovvero solo parte del vano scale lato via Cardano, che era un corpo quasi indipendente che ne caratterizzava la forma.

Foto di Renato Prearo e Christian Busato

 

 

Al suo posto sarà realizzato, come abbiamo già visto, l’edificio di Gioia 22, progettato dall’architetto Gregg Jones dello studio di architettura Pelli Clarke Pelli Architects, avrà 26 piani fuori terra per 120 metri e 4 piani interrati per una superficie lorda totale di 68.432 metri quadrati. La prima pietra per il nuovo edificio sarà posata in estate, ed entro il 2020 sarà consegnato.

5 commenti su “Milano | Centro Direzionale – Demolizione INPS: 26-04-2018, l’ultimo dente

  1. Da delle varie foto che ho visto sembrerebbe stiano impacchettando un edificio nel vecchio centro direzionale forse il più alto dopo galfa e Pirelli!

  2. Oggi sono passato in gioia e non c’è piu niente del palazzo Inps. Quindi suppongo che tra non molto, una volta levati i detriti incominceròlo scavo del nuovo palazzo.

  3. Oggi sono passato in gioia e non c’è piu niente del palazzo Inps. Quindi suppongo che tra non molto, una volta levati i detriti incomincerà lo scavo del nuovo palazzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.