Zona Castello – L’illuminazione mancante del Castello

Realizzato nel 2000, il sistema di illuminazione esterna del Castello Sforzesco ha rappresentato il primo esempio in Italia di “luce dinamica”. Grazie all’utilizzo di diverse fonti luminose, controllate da un computer, è possibile variare, attraverso molteplici combinazioni, intensità e colore dell’illuminazione, creando giochi di luce dagli effetti molto scenografici.

Così scrissero al momento dell’inaugurazione della nuova illuminazione scenografica . Son passati ormai parecchi anni e oggi molte luci sono sempre più spente, compresa l’illuminazione della torre del Filarete, ormai racchiusa nell’oblio delle tenebre. Speriamo che dopo la nuova luce che illumina la fontana presto si intervenga anche sul monumento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.